Che gnocco…fritto!

 Scritto da MonnyB  Postato in: Antipasti, Finger Food, Ricette e Salato.  0 commenti

Informazioni utili:

  • Intermedio
  • 60 minuti
  • 2 minuti
  • 6 persone

Ingredienti:

  • 500 gr di farina
  • 70 gr di strutto
  • 5 gr di zucchero
  • 10 gr di sale
  • 1 bicchiere scarso di acqua
  • 12 gr di lievito di birra
  • olio d'oliva per friggere

Credo che lo gnocco fritto sia una delle preparazioni più goduriose della tradizione gastronomica italiana. Di origine emiliana, altro non è che pasta per il pane che poi viene fritta e farcita a piacere con salumi e formaggi.
E’ molto semplice da preparare ma altrettanto semplice è gustarlo in compagnia di un buon bicchiere di Lambrusco DOC!
Per i più golosi è bene sapere che lo “gnocco” può essere farcito anche con ingredienti dolci, come crema pasticcera, cioccolato o confettura di frutta ma la mia versione preferita rimane sempre quella salata! Irresistibile!

Procedimento:

Per prima cosa fare sciogliere il lievito in una ciotola con un cucchiaino di zucchero e due cucchiai di acqua tiepida. Aggiungere anche due cucchiai di farina e mescolare fino a formare una pastella morbida; lasciare riposare per circa 30 minuti.
In una ciotola, versare il resto della farina, aggiungere la pastella preparata in precedenza e cominciare a impastare. Unire lo strutto, il sale e l’acqua e continuare a impastare fino a quando non si avrà un panetto liscio e omogeneo. Mettere l’impasto in una ciotola leggermente infarinata, coprire con un panno e lasciare lievitare per almeno 2 ore in un ambiente tiepido (potrebbe andare bene il forno con la sola luce accesa).
Trascorso questo tempo, riprendere l’impasto, stenderlo e tagliarlo in rombi, quadrati o anche rotondi aiutandovi con un coppapasta. Scaldare una pentola con abbondante olio d’oliva, immergere gli “gnocchi” e farli friggere fino a quando saranno ben gonfi e dorati. Scolarli e adagiarli su un foglio di carta assorbente o carta pane.
Mi raccomando, lo gnocco fritto va servito e mangiato ben caldo!!!

Post correlati

Scrivi un commento